Nessuno luogo contiene il Conoscitore!

arton743

Interamente innamorato dall’amore divino, sidi Muhammad al-Madani (1888-1959) canta in questa poesia, (Yâ Lâ’imî…) le delizie e le sofferenze di una passione che ingloba tutto il suo essere. Invia le sue parole al Censore (‘adhûl o lâ’im), fittizio o reale, che l’incitava ad abbandonare il suo amore verso Allah. Determinato, il poeta risponde fermamente che niente potrà distoglierlo da questo amore che costituisce l’identità profonda del Conoscitore. Chiaramente coranico, [yuhibbihum wa – yuhibbûnahu = li ama; ed essi l’amano, Corano, la Tavola imbandita, V – 54], questo amore libera sidi al-Madanî da ogni costrizione spaziale. Nessuno luogo contiene il Conoscitore.

Oh! Tu che mi rimproveri.

1. Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono [[Il termine arabo che riassume questa frase è “anâ mâ lî barâh “. Quest’ultimo termine significa: “terra desertica, senza piante “. significa anche: “terra vasta, estesa “. Il poeta adopera questa immagine per descrivere il suo amore infinito. Nessuna terra, nessuna espressione potrà contenere l’ardore della sua passione.]].

La passione che nutro per Allah è la mia arte; questo è un crimine?

Sono biasimevole per avere gridato: “ah! “, o per avere cantato in principio tra le persone generose?

Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono;

2. L’occhio delle serate, tardive, ha indolenzito il mio corpo, e le mie lacrime, come acqua, colano abbondantemente.

Rendimi giustizia oh! Uomo sensato: La passione è il mio solo reato e la mia pazienza è volata via.

Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono.

3. Se divulgavo la mia passione tra gli uomini, degli uomini meschini vedrebbero in ciò un peccato vergognoso.

Ed essi esagererebbero ancora i loro rimproveri al mio riguardo ecrivellerebbero ancora il mio cuore di ferite.

Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono.

4. L’amore mi ha indebolito; il mio cuore erra, e la passione che mi ha incatenato, non ha fatto che infiammarsi [[L’indebolimento dell’innamorato, l’erranza del cuore e l’avvampare della passione sono temi noti alla Tradizione poetica araba: sufi e amorosa. ]].

Nel mio cuore ospito solamente l’amore ardente; di’ allora a colui che disprezza le mie azioni che l’aurora [[Per i sufi, l’aurora simboleggia spesso la Verità splendente.]] spunta e si mostra sempre più.

Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono.

5. Dico al mio censore che la luna è apparsa per me e che mi sono assentato dal mio essere al momento della sua apparizione .

In questa mattina, la manifestazione estingue chiunque si avvicini all’essenza e alla sorgente.

Oh! Tu che mi rimproveri senza tregua, lasciami, non ci sono altri luoghi che mi contengono.

Traduzione: Salih KHLIFA
Introduzione e note. A. Madani.

🕮 🕮 🕮